Posts contrassegnato dai tag ‘monti’

Dopo 1 anno…

Pubblicato: 16 settembre 2012 in Attualità, Politica
Tag:, , , , ,

È passato quasi un intero anno da quando ho scritto l’ultimo post sul mio blog. Il motivo è essenzialmente la pigrizia, ma anche, devo dirlo, un senso di liberazione dopo le dimissioni di Berlusconi.
Prima di quei giorni mi piaceva esprimere il mio dissenso contro la politica del pdl. Una volta caduto il governo, non trovavo più modo di raccapezzare due idee da esprimere.
Oggi, a distanza di quasi un anno da quei giorni, cerco di esprimere quello che penso sul periodo post-berlusconiano, mettendo assieme anche le idee che mi son fatto sentendo le opinioni dei miei amici.

Immediato periodo post-Berlusconi.

Mario Monti diventa presidente del consiglio. La situazione economica del paese necessitava una scossa che il presidente della Repubblica Napolitano cerca di dare affidando l’incarico della formazione del nuovo Governo a Mario Monti.

La scelta doveva essere quella, nessuno poteva tirarsi indietro, le forze politiche furono costrette a trovare un accordo fra maggioranza ed opposizione per salvare il paese.
Così la maggioranza vincitrice delle elezioni del 2008, composta da PDL e Lega Nord si spacca.
La Lega decide di passare all’opposizione ed osteggiare in ogni modo il governo nascente.
Anche dalla parte dell’ex opposizione, si vede una spaccatura. L’alleanza formata da PD e Italia dei Valori si spezza. Di Pietro decide di stare all’opposizione.

Da tutto ciò nasce una maggioranza che nessuno si sarebbe immaginato di vedere negli anni passati, composta da PDL, PD e terzo Polo (Udc e Fli).

Mario Monti comincia la cura da cavall0 alle casse dello stato imponendo una serie di tasse che tartassano sia lavoratori dipendenti che imprenditori.
Impone una nuova riforma sul mercato del lavoro e del sistema previdenziale.

Tutto sempre fatto trovando un’intesa tra le forze politiche che sostengono il governo.

Quest’ultima è una cosa che non ho gradito. Mario Monti nel primo periodo del suo mandato aveva una tale forza e una tale spinta che nessuno, dico nessuno, si sarebbe preso la responsabilità di farlo cadere. Avrebbe potuto fare molto di più rispetto a quello che ha fatto.
Una riforma su tutte quella sulle liberalizzazioni, bloccata dalle più svariate lobbies.

Le Elezioni amministrative e lo scandalo Lega.

Nella primavera del 2012 accadono due importanti avvenimenti. La Lega è travolta da uno scandalo sui finanziamenti al partito sperperati dal figlio di bossi e da alcuni elementi di spicco del partito. E’ una mazzata per il partito. Bossi è costretto a dimettersi e Maroni cerca di prendere le redini e far pulizia nel partito.

Secondo avvenimento si svolgono le elezioni amministrative che danno un forte segnale alle forze politiche.
PDL ultra ridimensionato, Lega sparita, PD sostanzialmente stabile, esperimento Terzo Polo fallito, Movimento 5 Stelle protagonista.

Il sentimento anti-partitico che era stato fonte ispiratrice all’inizio degli anni novanta della Lega Nord, investe il movimento lanciato da Beppe Grillo di una forza devastante che fa paura ai partiti tradizionali.

Parma diventa il primo comune governato dal Movimento 5 stelle e questo porta ad un inizio di campagna denigratoria contro il comico genovese, che comincia ad essere descritto come il nemico da abbattere.

Per capire come il fenomeno sia temuto, basta dire che a Sinistra danno a Grillo del fascista e da destra gli danno del comunista.
La mia opinione è appunto quella che Grillo non sia ne l’uno ne l’altro. Le idee che porta sono di buon senso ma rivoluzionarie per il nostro paese.

L’estate è passata

Bisogna essere obbiettivi… Mario Monti ci ha portato fuori da una crisi che ad un certo punto appariva quasi irreversibile. Ha dato credibilità al governo italiano, per troppo tempo rimasto alla mercé di un pagliaccio.
Ma una cosa manca ancora… è infondere fiducia e fare una politica di sviluppo. Tutta la politica di Monti è stata fino ad oggi basata sul rigore. Ora c’è da fare qualcosa per rilanciare i consumi.

Vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni…

Intanto i nostri politici dall’incarico pluridecennale sono riusciti ancora a salvarsi da qualsiasi taglio e da qualsiasi riforma concreta che avrebbe previsto magari un taglio del numero di parlamentari ed un taglio di stipendi e rimborsi spese. Non sarebbe servito a risanare il bilancio dello stato, ma sarebbe stato un bel segnale alla popolazione che invece contribuisce in modo massiccio con l’aumento di tasse ed iva. La fiducia verso la politica, invece, è ai minimi storici e su questo nasce principalmente il successo del movimento 5 stelle.