Archivio per la categoria ‘Sport’

Tra le cose che trovo insopportabili in una partita di calcio, ci sono senza dubbio le perdite di tempo.

Giocatori che stanno a terra minuti, senza che nulla di serio sia loro effettivamente accaduto, rimesse laterali che durano 20 secondi soprattutto se si tratta della squadra che sta vincendo. Tempo di recupero assegnato dall’arbitro nel quale solitamente non si gioca a causa proprio delle perdite di tempo.

Cosa impedisce al calcio di introdurre, come avviene nella quasi totalità degli altri sport, un cronometro effettivo gestito da un cronometrista?

L’introduzione di questa rivoluzione avrebbe soltanto lo spettatore (che tra l’altro paga per vedere del calcio giocato).

Quante volte abbiamo visto una squadra in vantaggio, soprattutto nella parte finale della partita, cercare qualunque modo per perdere tempo?
Simulazioni di fallo. Il portiere che rinvia il pallone da fondo campo perde quasi 30 secondi. Rimesse laterali che durano una vita.

L’unico modo per evitare tutto ciò sarebbe il tempo effettivo.
Nelle partite di calcio si gioca effettivamente 30 minuti per tempo sui 45 a disposizione.
Due tempi da 30-35 minuti effettivi e non ci sarebbero neppure eventuali problemi con i tempi televisivi.
Inoltre sparirebbe la discrezionalità dell’arbitro sul tempo di recupero.

Ovviamente sarebbe una riforma che interesserebbe l’international board e sappiamo benissimo che per modificare qualcosa nel modo del calcio, oltre la volontà di farlo, servono tempi biblici 😦

Annunci

Il calcio vero è questo

Pubblicato: 3 dicembre 2010 in Calcio, Sport
Tag:, , , ,

Lunedì sera ho visto una partita di calcio che è stato uno spettacolo che di rado ho visto in vita mia.
Sto parlando ovviamente di Barcellona-Real Madrid.

Quando normalmente si vede un risultato di 5-0 sui giornali si pensa subito ad una partita dominata, poco equilibrata e solitamente noiosa.
Barça-real è stata esattamente una partita dominata dal Barcellona e sbilanciata, ma tutt’altro che noiosa.
Quella messa in scena lunedì è stata un vera e propria lezione di calcio. Un gioco corale di classe, passaggi ed ingegno calcistico mai visto.
Il centrocampo è stata la perfezione assoluta, fraseggi e tocchi di palla senza mai perderla.

Il Real di Mourino ne è uscito ridicolizzato non solo dal risultato, ma soprattutto per il gioco, superiore su tutti gli aspetti, degli avversari.

La telecronaca di Altafini su Sky è stata la conferma dello spettacolo al quale abbiamo assistito. Altafini era entusiasta come in rari casi avevo sentito.

Una volta era il campionato italiano quello ‘più bello del mondo’… una volta.

Grande Melandri

Pubblicato: 2 maggio 2005 in Sport

Nella gara cinese del motomondiale quel che più ha entusiasmato ieri, non e’ stata forse la vittoria di Valentino Rossi (ormai diventata una consuetudine), ma la grandissima prova di Marco Melandri. Fantastici gli ultimi giri dove e’ riuscito a dar paga sia a Biaggi che, soprattutto, a Gibernau. Se la Honda credesse piu’ in lui nei prossimi anni potrebbe avere tra le mani un degno avversario all’imperatore Rossi.

E N T U S I A S M A N T E

Pubblicato: 7 febbraio 2005 in Sport

Questa volta sono ultra campanilista e parlero’ di una campionessa in fasce che ieri ha dato emozioni a tutti gli italiani: Elena Fanchini.
Già bollata come la campionessa del futuro (assieme alla sorella Nadia) ieri ha vinto un’entusiasmante medaglia d’argento ai Mondiali di Bormio, facendoci anche commuovere nella sua dedica tra le lacrime a Marco Pantani.
Parlo di lei anche perchè e’ una ragazza che abita qui a due passi da me, a Vissone, l’ultima delle frazioni di PianCamuno prima di giungere sulle piste di MonteCampione…
E quando nasce un campione nelle proprie zone è davvero un orgoglio per tutti noi.
Grazie Elena e che il futuro ti sorrida.

Formula 1 a Londra?

Pubblicato: 15 dicembre 2004 in Sport

Leggo con stupore la notizia della possibile creazione di un circuito cittadino tra le vie di Londra. Questa proposta arriva nientepopodimenoche dal patron assoluto della Formula 1 Bernie Ecclestone.
Sono un po’ di anni che, causa predominio Ferrari e carenza di argomenti, non si parla d’altro che di sicurezza in Formula 1 e cosa ci tira fuori dal cilindro il ‘cappellaio magico’? Un GP cittadino.
Penso che un GP creato in citta’, a Londra poi, avrebbe certamente il suo fascino… ma sarebbe troppo, troppo rischioso. Basti pensare che dei vecchi circuiti cittadini solo quello di Monaco ha resistito alle usure del tempo… chissa’ come mai 😉 …

Come sempre ci sara’ dientro il solito ‘magna magna’.

Notizia TGCom: http://www.tgcom.it/sport/articoli/articolo234224.shtml