Archivio per la categoria ‘Calcio’

Tra le cose che trovo insopportabili in una partita di calcio, ci sono senza dubbio le perdite di tempo.

Giocatori che stanno a terra minuti, senza che nulla di serio sia loro effettivamente accaduto, rimesse laterali che durano 20 secondi soprattutto se si tratta della squadra che sta vincendo. Tempo di recupero assegnato dall’arbitro nel quale solitamente non si gioca a causa proprio delle perdite di tempo.

Cosa impedisce al calcio di introdurre, come avviene nella quasi totalità degli altri sport, un cronometro effettivo gestito da un cronometrista?

L’introduzione di questa rivoluzione avrebbe soltanto lo spettatore (che tra l’altro paga per vedere del calcio giocato).

Quante volte abbiamo visto una squadra in vantaggio, soprattutto nella parte finale della partita, cercare qualunque modo per perdere tempo?
Simulazioni di fallo. Il portiere che rinvia il pallone da fondo campo perde quasi 30 secondi. Rimesse laterali che durano una vita.

L’unico modo per evitare tutto ciò sarebbe il tempo effettivo.
Nelle partite di calcio si gioca effettivamente 30 minuti per tempo sui 45 a disposizione.
Due tempi da 30-35 minuti effettivi e non ci sarebbero neppure eventuali problemi con i tempi televisivi.
Inoltre sparirebbe la discrezionalità dell’arbitro sul tempo di recupero.

Ovviamente sarebbe una riforma che interesserebbe l’international board e sappiamo benissimo che per modificare qualcosa nel modo del calcio, oltre la volontà di farlo, servono tempi biblici 😦

Annunci

Il calcio vero è questo

Pubblicato: 3 dicembre 2010 in Calcio, Sport
Tag:, , , ,

Lunedì sera ho visto una partita di calcio che è stato uno spettacolo che di rado ho visto in vita mia.
Sto parlando ovviamente di Barcellona-Real Madrid.

Quando normalmente si vede un risultato di 5-0 sui giornali si pensa subito ad una partita dominata, poco equilibrata e solitamente noiosa.
Barça-real è stata esattamente una partita dominata dal Barcellona e sbilanciata, ma tutt’altro che noiosa.
Quella messa in scena lunedì è stata un vera e propria lezione di calcio. Un gioco corale di classe, passaggi ed ingegno calcistico mai visto.
Il centrocampo è stata la perfezione assoluta, fraseggi e tocchi di palla senza mai perderla.

Il Real di Mourino ne è uscito ridicolizzato non solo dal risultato, ma soprattutto per il gioco, superiore su tutti gli aspetti, degli avversari.

La telecronaca di Altafini su Sky è stata la conferma dello spettacolo al quale abbiamo assistito. Altafini era entusiasta come in rari casi avevo sentito.

Una volta era il campionato italiano quello ‘più bello del mondo’… una volta.

Follia allo stato puro

Pubblicato: 26 maggio 2005 in Calcio

Quello che e’ sccesso a Istambul ieri sera ha qualcosa di assurdo…

A memoria difficilmente ricordo una partita in cui una squadra conduceva 3 a zero e finisce per perdere; per non parlare di una finale di Champions League.

Bisogna dire subito che il Liverpool e’ stato senza dubbio molto fortunato, il Milan e’ andato moltissime volte vicino alla nuova segnatura… ma la cosa che piu’ ha impressionato e’ stata la grinta e la foga con il quale gli inglesi son tornati in campo nella ripresa… e sotto di 3 goals son riusciti nell’impresa. I rigori sono stati un proforma; era andata bene 2 anni fa contro la Juve, e’ andata male quest’anno.

Anche fortunati…

Pubblicato: 28 aprile 2005 in Calcio

Prima semifinale di Champions League e subito Milan. Era ampiamente nelle previsioni, ma non ci si aspettava un PSV cosi’ tonico. Dopo che il Milan riesce a sbloccare il risultato con Sheva nel primo tempo nel secondo, quel mago di Hiddink, mette in campo una squadra completamente diversa che mette in sere difficolta’ il Milan. Le occasioni per gli olandesi fioccano, ma il destino vuole che il PSV non passi. Passa invece il Milan a tempo scaduto (classica legge del contrappasso), che con il 2-0 in saccoccia va a Ehindoven con la finale in tasca.

Un vero peccato…

Pubblicato: 14 aprile 2005 in Calcio

Ripetere la finale tutta italiana di due anni fa era possibile; ed era probabilmente quello che si aspettavano in molti vista la caratura delle squadre giunte ai quarti di Champions. Questo pero’ non accadra’.

La Juventus non e’ riuscita a superare lo scoglio Liverpool dopo una partita cominciata male e finita peggio. Entrati subito con un piglio sbagliato, i giocatori non sono mai riusciti ad ingranare ed a fare gioco. Le occasioni da gol in tutta la partita si contano sulle dita di una mano. Sfilacciati a centrocampo, poco sicuri in difesa e quindi pochi palloni che arrivavano agli attaccanti. Una manovra macchinosa e lenta, che ha portato la Juve e questo risultato negativo. Analizzando i singoli, pochi sono quelli che si salvano in una partita simile.
Senza dubbio Zambrotta che  ha dato come sempre l’anima facendosi delle cavalcate infinite sulla fascia destra, ma peccando anche di nervosismo in alcune entrate da dietro.
Thuram e Cannavaro sempre concreti anche se in alcuni casi peccano di alcune imprecisioni.
Decisamente negativa invece la partita di Olivera, che non riesce mai a trovare una posizione in mezzo al campo. Che dire di Montero, forse e’ ora che si pensi aqualche alternativa piu’ seria; se infatti, a me personalmente, non piace Zebina che trovo rude, discontinuo ed impreciso, Montero non ha piu’, né la velocità di un tempo, né riesce a dare sicurezza alla squadra, sbagliando anche dei passaggi elementari. Poco da dire sugli attaccanti, né Ibra, né soprattutto Del Piero hanno saputo fare la differenza.

E’ un vero peccato che, dopo aver superato uno scoglio cosi’ pesante come il Real Madrid, ci si sia trovati ad affondare per colpa di una squadra mediocre come il Liverpool. Mediocre e’ il Liverpool, ma non da meno e’ stata la Juventus. Ora c’e’ da sperare che non ci siano ripercussioni psicologiche sul campionato… Si e’ ancora in lotta col Milan e mollare adesso sarebbe davvero grave.

Passano alle semifinali Milan-PSV e Chelsea-Liverpool, l’ovvia finale ora sarebbe Milan-Chelsea, ma visto quel che e’ successo, non scriviamo pagine di storia in anticipo…

L’ultima spiaggia

Pubblicato: 11 aprile 2005 in Calcio

Inter-Milan

La resa dei conti e’ vicina, domani sera sapremo se anche quest’anno l’Inter dovra’ accontentarsi di lottare solo x la Coppa Italia. Se fossi nei milanisti non sarei cosi’ sicuro di aver già passato il turno; certo due gol di vantaggio (2-0) e’ un vantaggio considerevole, ma bisogna tener presente che a questa partita l’Inter arriverà col coltello tra i denti. Sono convinto che domani sera i nerazzurri daranno l’anima per ribaltare il risultato, anche se in questa stagione e’ successo pochissime volte. Nel Milan e’ poi vivo ancora il ricordo dei quarti dell’anno scorso, quando forti del risultato dell’andata, si sono schiantati al Riazor contro il Deportivo.

Insomma, penso che Milan ed Inter daranno vita ad un bello spettacolo.

Una serata da leoni

Pubblicato: 9 marzo 2005 in Calcio

Che emozioni stasera. Che invidia per coloro che stasera erano allo stadio delle Alpi.

A differenza di due anni fa quando andai a vedere la semifinale vinta 3-1 sul Real, questa volta ho deciso di starmene a casa, forse perche’ non ero convinto che la Juve ce la potesse fare contro la squadra spagnola.

Invece, la partita che credevo la Juve non potesse fare, in questo momento della stagione, l’ha fatta! Un’emozione grandissima, vedere entrare quel pallone del panterone Zalayeta. Un’emozione che non provavo proprio da quella serata di Torino di 2 anni fa.

Grande Juve quindi che esce con il morale altissimo da questa partita, in prospettiva Champions e Campionato.